“Diritto al Futuro” per gli Studenti Italiani

Nuovo Fondo di Garanzia, pronto ad operare già a partire dal mese di settembre scorso, un Fondo questo, che garantisce l’accesso al credito per gli studenti italiani che intendono approfondire e proseguire con gli studi e soddisfare il diritto allo studio.
Un nuovo passo che favorisce l’accesso al credito da parte di soggetti non lavoratori con un’elevata elesticità nel rimborso e con piani di ammortamento agevolati.
Una iniziativa questa lanciata dal Ministro della Gioventù e l’Abi (Associazione Bancaria Italiana) con il fondo di garanzia per l’accesso al credito per gli studenti.
Progetto in linea con la nuova politica di sviluppo per i giovani dell’Unione Europea, che prevede anche misure di sostegno finanziario con l’obbiettivo di accrescere le competenze professionali e aumentare il tasso di occupazione.
Il Fondo parte con una dotazione patrimoniale di 25 milioni di euro ed è gestito dalla Consap Spa, inoltre il fondo rilascia a favore delle banche e degli intermediari finanziari garanzie abbastanza soddisfacenti, garantendo il 70% della quota capitale dei finanziamenti ammissibili, degli interessi contrattuali calcolati a partire dal trentesimo mese di erogazione dell’ultima rata del finanziamento.
Naturalemente è bene sapere che per ottenere l’accesso al credito del progetto “Diritto al Futuro” bisogna rivolgersi alle banche che hanno aderito all’iniziativa e che hanno sottoscritto un’apposita convenzione con il Dipartimento della gioventù, che disciplina in dettaglio tutta la modulistica occorrente, le condizioni e le caretteristiche del finanziamento.
La documentazione inerente, è facilmente reperibile con il modulo di domanda allegato per accedere al finanziamento, nonchè l’elenco delle banche e degli intermediari finanziari sono pubblicati sul sito ufficiale della gioventù, ossia www.gioventu.gov.it

Condividi:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter
Ricevi aggiornamenti Gratuiti sul Lavoro
Iscriviti gratis!
Non facciamo spam.

Riceverai al massimo due mail al mese.
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

Rispondi