Trova lavoro con il Web [L’intervista a Gaetano Romeo]

Davvero è possibile trovare lavoro con il Web? E anche guadagnare, magari? In che modo? Quali opportunità ci riserva la Rete e come possiamo sfruttarle al meglio? Questo e molto altro abbiamo chiesto a Gaetano Romeo, CEO di Digital Laboratory e di SEO Romeo e autore del libro Trova lavoro con il Web, edito da Dario Flaccovio Editore.

Pronto per conoscere e sfruttare a tuo vantaggio i preziosi consigli di Gaetano sul Web e sul mondo del lavoro?


 

Come trovare lavoro con il web Socio e CEO di Digital Laboratory e SEO RomeoGaetano è nato a Palermo nel lontano 1979, laureato in Lingue e letterature Euro-Americane, muove i primi passi nel mondo digitale nel 2003 lavorando per piccole realtà locali. Fondamentale la sua esperienza tedesca, che lo stesso Gaetano ritiene di importanza capitale per la sua formazione non solo tecnica, ma anche umana.

A Berlino Gaetano lavora per multinazionali quali StudiVZ nel 2006, una sorta di Facebook tedesco, diventando Country manger per l’iItalia nel 2008 lavora a Monaco in qualità di Head of SEO per MYDAYS Italia, dal 2010 gestisce a Milano SEO Romeo, successivamente divenuta Digital Laboratory, una delle realtà digitali più importanti in Italia.
Nonostante sia un amante di tutte le tipologie di web marketing, la SEO rappresenta la sua grande passione, con un occhio di riguardo verso le penalizzazioni e l’arte della Link Building, ad oggi possiamo annoverare Gaetano Romeo tra i i più noti e importanti SEO italiani, in particolar modo sono molto apprezzati i suoi interventi in diversi seminari e corsi in giro per l’Italia.

  #1. Ciao Gaetano, raccontaci un po’ di te!  Chi sei? Cosa fai?

Ciao Ludovica,  sono Gaetano Romeo, amministratore delegato dell’agenzia milanese Digital Laboratory e socio dirigente di Beprime l’agenzia sorella di Digital Laboratory, tra Milano e Bergamo siamo un gruppo di circa 60 persone e ci occupiamo di inbound marketing e digital marketing a 360 gradi.

#2. Da quanto tempo lavori nel digitale? E come hai trovato lavoro nel Web?

Ho iniziato nel 2003 in maniera del tutto inconsapevole quando l’agenzia viaggi per quale lavoravo a Palermo, mia città natale, mi chiese di capire come mai non comparivano mai sui risultati di ricerca di Google, da li è nata una passione, poi migliorata dal 2006 in poi quando mi sono trasferito a Berlino e ho avuto la possibilità di lavorare per realtà importantissime.

#3. Il Web è tra le più grandi rivoluzioni della Storia, ha radicalmente cambiato la vita quotidiana, quella sociale, quella professionale. Lavorare nel Web può essere oggi un’opportunità? E perché?

Lavorare nel web è l’opportunità con la O maiuscola, nel senso che non è più il futuro, ma in realtà è il presente. Per questo motivo ritengo che, come descritto nel capitolo 10 del mio libro, curare la propria presenza sui social diventa di fondamentale importanza per non risultare agli occhi di chi ti cerca ridicolo.

#4. Ma con il Web si guadagna veramente, quindi?

Eh direi proprio di  sì, io ne sono l’esempio lampante, figlio di impiegati, nato e cresciuto in quartiere periferico di Palermo, son riuscito a costruire qualcosa di veramente importante.

#5. Quali sono le professioni del Web?

Adesso non vorrei fare spoiler del libro, ma nel primo capitolo mi concentro principalmente su questo aspetto, in quanto molti sognano di lavorare nel web, ma non hanno idea di quante professioni ci siano all’interno del mondo web. Ricapitolando, direi le più rinomate: SEO, Social Media Manager; Developer, blogger, project manager.

Trova lavoro con il Web

#6. Nel tuo libro dedichi un intero capitolo al curriculum vitae. Ci indichi 5 consigli per redigere un CV efficace?

  1. Sii fondamentalmente,
  2. non devi mai omettere esperienze anche se non legate al lavoro per il quale ti stai candidando in quel momento,
  3. evita un CV in formato europeo. A me piace ricevere CV creativi,
  4. arriva subito al punto in maniera sintetica,
  5. metti in evidenza le tue skills.

#7. Quali sono le cose da non dire ad un colloquio di lavoro?

Assolutamente da evitare è dire che sei andato via dalla tua attuale azienda perché non ti sei trovato bene e parlare male di loro al colloqui. Di solito, gli imprenditori non premiano persone che si comportano in questo modo.

#8.  Il capitolo 4° del tuo libro Come trovare lavoro nel digital è dedicato a LinkedIn, quel social troppo sottovalutato, come tu stesso scrivi. Perché LinkedIn è sottovalutato? E quali opportunità, invece, riserva a chi è in cerca di lavoro?

Oltre ad essere sottovalutato, LinkedIn è utilizzato male, ovvero lo si usa come mezzo per fare SPAM come se non ci fosse un domani. A mio avviso dovrebbe essere un network per entrare in contatto con manager del tuo settore, scambiare opinioni e una volta che si raggiunge un certo feeling capire ce si cono i presupposti per una collaborazione, quindi si dovrebbe evitare di mandare una mail con tutti i servizi che offri 20 secondi dopo aver richiesto il contatto.

#9. Ci suggerisci 5 consigli per sfruttare le opportunità di LinkedIn e trovare lavoro grazie a questo Social Network?

  1. Profilo ottimizzato al 100%
  2. Profilo continuamente aggiornato
  3. Creare una rete di contatti importante
  4. Implementare LinkedIn Pulse e farsi conoscere
  5. Non fare spam.

#10. Dov’è possibile trovare interessanti offerte di lavoro?

Ci sono alcuni portali come Jobrapido o Infojobs che sono molto utili, ma non sottovaluterei la possibilità di curarsi un network di contatti che ti permetterà che sia il lavoro a cercare te e non viceversa.

#11. Ci saluti con il tuo personale consiglio per chi è in cerca di lavoro?

L’ultimo consiglio è quello di curare molto la propria presenza sui social. Da qualche mese utilizzo spesso questa frase: meglio una presenza discreta piuttosto che ridicola.

Condividi:Share on Facebook24Share on Google+0Tweet about this on Twitter
Ricevi aggiornamenti Gratuiti sul Lavoro
Iscriviti gratis!
Non facciamo spam.

Riceverai al massimo due mail al mese.
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

Rispondi