Come organizzare un corso di Formazione: Alcuni consigli da seguire

Organizzare un corso di formazione può sembrare un’impresa complicata, ma pianificando il tutto meticolosamente il risultato non potrà che essere straordinario. Come fare? Ecco alcuni consigli per tenere sempre tutto sotto controllo e centrare l’obiettivo.

Organizzare un corso di formazione senza sbagliare niente

Solo seguendo una continua e precisa formazione è possibile raggiungere grandi risultati a livello personale e imprenditoriale. Organizzare un corso di formazione significa cercare sempre nuovi ed interessanti stimoli per coinvolgere i dipendenti delle aziende o lavoratori autonomi che desiderano non restare indietro, a livello di conoscenze, nel mercato del lavoro.

Il problema è solo uno: come organizzare un corso di formazione senza sbagliare? Sono tante le strade che si possono seguire per tenere il passo, il più delle volte molto veloce, della digital transformation, ma ciò che sta alla base della pianificazione di un corso di formazione è uguale in tutti i settori. Però, dato che l’aggiornamento può risultare un notevole impegno per i professionisti, meglio concentrare al meglio i contenuti del corso in quello che sarà un evento a 5 stelle.

Partire con il piede giusto, a livello organizzativo, è importante ed è cosa buona stamparsi nella testa una scaletta ben precisa:

  • Qual è l’obiettivo primario del corso di formazione? Quali sono gli aspetti più importanti da trattare?
  • Qual è il target di riferimento e come presentare gli argomenti chiave in modo esaustivo?
  • Quando e dove organizzare il corso di formazione?

Questi sono i punti base da seguire per partire a razzo ed essere sicuri di non sbagliare.

L’importanza di stabilire un obiettivo

Quando ci si interroga sul come organizzare un corso di formazione, la prima cosa da fare è stabilire un obiettivo ben preciso da raggiungere con l’insegnamento. È il più importante aspetto organizzativo ed è ciò che serve per trovare la migliore risposta a domande come: “che cosa devono apprendere i corsisti”? “Quali sono i più importanti argomenti che tutti i partecipanti dovranno padroneggiare alla fine del corso”?

Semplicemente rispondendo a queste domande, da tenere sempre come punto di riferimento nelle iniziali fasi di organizzazione, si riuscirà a creare una precisa lista di contenuti da sviluppare e presentare durante il corso. Non sarà difficile partire da un nucleo di informazioni (il cuore vero e proprio dell’argomento del corso) e scinderlo in tante particelle interessanti.

Scegliere i migliori relatori

L’obiettivo di ogni corso di formazione è quello di insegnare, portare a conoscenza di tutti determinate informazioni utili per l’attività di riferimento, nonché coinvolgere al meglio tutti i partecipanti. Per evitare di assistere a sbadigli continui e facce da sonno è consigliato dedicare tanto tempo alla scelta del migliore relatore. Possono essere nominati anche più relatori, ma è fondamentale studiare il loro metodo di insegnamento, la loro dialettica e preparazione sulla materia. Ogni relatore, oltre che padroneggiare gli argomenti presenti nel materiale preparato per raggiungere l’obiettivo principale, dovranno essere in grado di catturare magneticamente l’attenzione di tutti i partecipanti.

Un solo formatore o più relatori? In generale, se lo scopo è quello di organizzare un corso di formazione abbastanza lungo, è meglio scegliere più docenti, così da variare non solo l’esposizione, ma creare una fusione di stili di insegnamento che porteranno ad un migliore risultato finale.

Dove organizzare un corso di formazione?

Altro aspetto da non sottovalutare è la scelta della location. Non è un dettaglio! Per prima cosa la sala della struttura dovrà essere accogliente: è brutto ritornare su vecchi banchi di scuola! Inoltre, la sede dove si terrà il corso di formazione dovrà essere facile da raggiungere e dotata di tutto il necessario per un approccio digital.

Molte aziende richiedono, per la formazione dei propri dipendenti, di tenere un corso di formazione proprio in locali interni. In questo caso il problema della vicinanza e della facilità di raggiungimento non sarà un problema. Il punto su cui concentrarsi maggiormente è la richiesta dei supporti necessari per una più facile divulgazione del sapere. Apparecchiature (ad esempio, lavagne interattive, schermi e proiettori dovranno essere disponibili, così come una efficiente linea internet) e tutti i materiali cartacei dovranno essere sistemati nella sala di riferimento. Anche uno spoglio ambiente può trasformarsi in una affascinante aula. Ovviamente, l’allestimento della sala dipende direttamente dalla tipologia del corso di formazione. Non dimenticate di allestire un piccolo angolo ristoro: le cosiddette pause caffè sono fondamentali per mantenere alto il livello di concentrazione dei presenti.

Pubblicizzare il corso di formazione

È tutto pronto? Benissimo, non resta che pensare al lancio del corso di formazione, cioè alla pubblicità. Per i corsi organizzati dall’azienda al suo interno sono fondamentali i supporti cartacei, per tutto il resto è internet il punto di riferimento. Landing pages, pagine Facebook, Instagram e tutti gli altri social network sono mezzi potentissimi per raggiungere facilmente un gran numero di persone. In ogni caso, è importantissimo persuadere con le parole, cioè tirare fuori il meglio dall’arte del copywriting. Meglio partire con largo anticipo rispetto alla data fissata.

Un valido aiuto per la Gestione della Formazione

Non è semplice organizzare un corso di formazione perfetto, ma un piccolo trucchetto, per centrare in pieno l’obiettivo con il minimo della fatica c’è. Affidarsi ad un software gestionale dedicato, come Sailfor (strumento di governo della Formazione) è una saggia scelta per tenere sempre tutto sotto controllo, dalle iscrizioni alla rilevazione delle presenze al corso, dal controllo dei pagamenti al rilascio degli attestati. L’utilizzo di un software gestionale per la formazione è senza dubbio fondamentale e permetterà di curare ogni aspetto nel dettaglio per soddisfare tutte le esigenze.

Condividi:Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter

Rispondi