Expolavoro, orientamento e formazione

Mm….dunque…come iniziare questo post? In momenti di licenziamenti verrebbe di dire che delle fiere sull’orientamento al lavoro sono una specie di sberleffo: io mi oriento verso un lavoro, ma l’economia e l’occupazione non è orientata verso di me.
Però questo è un ragionamento superficiale, legittimo, ma che non porta lontano. Perché l’informazione non va mai sottovalutata in tempo di crisi, infatti i migliori sono quelli che la superano. È per questo che vi invito, se siete in Puglia, ad affacciarvi all’Expolavoro2009, a Bari. Qualcosa, tra i tanti workshop, può esservi utile. Expolavoro è alla IX edizione e vuol essere punto di riferimento per gli studenti, ma anche per neolaureati alla ricerca di opportunità occupazionali e formative. Il tema principale di quest’anno sarà l’internazionalizzazione , alla faccia delle proteste in Inghilterra contro la vincita dell’appalto da parte di una ditta siciliana e dei suoi operai specializzati.
Le date da ricordare sono 17 e 18 febbraio, luogo d’incontro, Campus via Orbona.
Tra i work shop si nota l’importanza data alle lauree e ai ruoli professionali di natura commerciale ed economica, e al settore edile (come è essere imprenditore per un giorno, ma non manca chi ha pensato ai geometri). Si parlerà di esperienze all’estero, pro e contro, e tantissimo di sicurezza sul lavoro, e questo è degno di nota, perché i diritti inalienabili come la sicurezza non vanno mai sottovalutato, sia da chi offre che da chi cerca lavoro. Mai soggiacere ai ricatti di chi paga poco e a nero e senza tutele. Va tenuto a mente questo, soprattutto in tempi difficili dove la precarietà dilaga e si rischia di “piegarsi” a situazioni non “a norma”. Tra nuove professioni e tecnologia è dato un po’ di spazio anche all’artigianato, settore che non va sottovalutato, che può essere una grande risorsa in termini di occupazione, che può ben entrare anche nella dimensione del made in Italy di qualità e collegarsi all’indotto turistico.

Fateci sapere cosa vi è piaciuto oppure no.

Condividi:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Rispondi