Part-time verticale e indennità di disoccupazione

Con sentenza n. 19253 del 4 settembre 2009, la Cassazione ha affermato che ai lavoratori in part-time verticale su base annua non spetta l’indennità di disoccupazione involontaria per i periodi di non lavoro.

Questo atteso che la stipula di tale contratto non consente, neanche in via analogica, l’estensione del principio regolatore della disciplina della disoccupazione involontaria, in quanto tale rapporto dipende dalla libera volontà del lavoratore contraente.

Ricordiamo che il part-time verticale è quell’attività prestata solo in alcuni giorni della settimana con orario pieno o ridotto.

Ad esempio 8 ore su 3 giorni lavorativi = 24 ore sett. su 40, oppure  6 ore su 4 giorni lavorativi = 24 ore sett. su 40.

Condividi:Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter

2 pensieri su “Part-time verticale e indennità di disoccupazione

  1. Kio

    che legge assurda … io ho un part time verticale a nove mesi annui a tempo inderminato con giornata piena di otto ore … compresi turni anche notturni .. nei restanti tre mesi che mi trovo disoccupato forzato … non ho diritto a un centesimo …. e il mangiare e le spese chi le paga !!!! VERGOGNA !!!!!!

    Replica
  2. nickmolise

    ciao vorrei capire come si calcolano le settimane lavorative per potere usufruire della disoccupazione minima… praticamente guardando sull’estratto conto dell’inps alla voce “CONTRIBUTI UTILI PENSIONE” mi dice che ho: “al diritto”: 9 settimane mentre “al calcolo”: 5 settimane… quali vengono calcolate x la disoccupazione? le 9 o le 5 settimane? grazie mille x l’aiuto

    Replica

Rispondi