Maternità: le tutele per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici cocopro

Molte donne pensano che si ha diritto a tutele sulla gravidanza soltanto se si è lavoratrici dipendenti. In realtà non è così ed anche le lavoratrici cocopro (contratto a progetto, parasubordinate) hanno diritto alle tutele, con qualche differenza. Vediamo insieme in cosa consistono.

La lavoratrice dipendente in stato di gravidanza ha l’obbligo di astenersi dall’attività lavorativa dai 2 mesi antecedenti alla data presunta del parto fino ai 3 mesi successivi alla data effettiva del parto, nonché fino al settimo mese di vita del bimbo nel caso di condizioni di lavoro che possono pregiudicare la salute della madre o del bambino. Si può tuttavia richiedere la flessibilità, vale a dire la possibilità di lavorare durante l’ottavo mese, il lavoro non può comunque andare oltre 1 mese prima dalla data di parto presunta, e ai 3 mesi successivi andranno ad aggiungersi tutti i giorni lavorati durante l’ottavo mese.

Tali condizioni sono identiche per le lavoratrici parasubordinate.

Veniamo alle differenze.

Indennità

Per le lavoratrici dipendenti, l’indennità ricevuta nel periodo indicato sarà pari all’80% della retribuzione media giornaliera sulla base della retribuzione del mese antecedente l’inizio del periodo indennizzabile.

Alle madri con contratto cocopro, iscritte alla gestione separata Inps e tenute al versamento della contribuzione assistenziale, viene corrisposto durante il periodo di sospensione un’indennità pari sempre all’80% ma calcolata sul del reddito medio dei 12 mesi precedenti al parto e purché siano state ricevute almeno tre mensilità nei dodici mesi precedenti al parto (Dm 4 aprile 2002 – articolo 1, comma 719, legge 296/2006 – Dm 12 luglio 2007). Inoltre si prevede che il contratto a progetto rimanga in sospeso nel periodo di assenza e dovrà essere prorogato per altri 180 giorni rispetto alla scadenza originaria.

Pagamento

Per le lavoratrici dipendenti, il pagamento dell’indennizzo viene effettuato dal datore di lavoro.

Per le lavoratrici cocopro, ai sensi della legge 335/95 il pagamento viene effettuato direttamente dall’INPS purché siano presenti le condizioni viste in precedenza e non si sia titolari di pensioni e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

Domanda

Le lavoratrici dipendenti devono consegnare nel corso del settimo mese la propria domanda alla sede dell’Inps di appartenenza e al datore di lavoro tramite il mod. SR01.

Le lavoratrici parasubordinate devono consegnare la domanda all’Inps di appartenenza e al committente tramite il mod. SR29, sempre durante il settimo mese di gestazione.

La circolare n.126 del 29 settembre 2011 dell’Inps ha poi stabilito che le domande per il congedo di maternità possono essere presentate online per un periodo transitorio in cui saranno accomunate alle domande cartacee. Alla fine del periodo di transizione, le domande potranno essere presentate esclusivamente attraverso i canali: web attraverso i servizi telematici al cittadino dal portale www.inps.it cui accedere tramite pin; telefono, contattando il call center integrato al numero verde 803164; intermediari e patronati dell’Istituto usufruendo dei servizi telematici messi a disposizione.

(fonte: Inps)

Condividi:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

2 pensieri su “Maternità: le tutele per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici cocopro

  1. marta

    vorrei un chiarimento, se il mio stipendio netto è 1000euro, e ho un cocopro da 15mesi (quindi ho le mensilità minime richieste dall’inps) per i 5mesi di astensione io percepisco 800euro?
    La mia gravidanza è gemellare, ho qualche tutela simile alle lavoratrici dipendenti come il raddoppio dei mesi di astensione o ho diritto alla maternità anticipata essendo a rischio? 
    grazie

    Replica
  2. Angela

    buongiorno, continuo a non capire alcune cose, faccio il caso specifico:
    – la data presunta del parto e’ 25.07.12 (quindi l’astensione per i 5 mesi retribuiti dall’inps dovrebbe essere 25.05.12-25.10.12) prima domanda: si possono gestire questi 5 mesi di astensione facendone 1 prima del parto e 4 dopo il parto ? come mi sembra di leggere
    – approposito della proroga di 180 giorni, da quando decorrono ? dalla scadenza originale ? in questo caso quindi dal 15.05.11 ?

    grazie a presto

    angela

    Replica

Rispondi a marta Annulla risposta