Concorso – 38 Infermieri U.S.L. di Terni

9 Feb    Varie

Sono stati riaperti, presso l’Azienda U.S.L. n. 4 di Terni, i termini del concorso pubblico per titoli ed esami, per la copertura dei posti per collaboratore professionale sanitario – infermiere, Cat. D, elevando il numero dei posti da 18 a 38 e con aumento da 2 a 5 dei posti riservati ai volontari delle FF.AA.

Il termine per la presentazione delle domande, redatte su carta semplice e corredate dei documenti prescritti, scade alle ore 12,00 del giorno 15 febbraio 2010.
Il testo integrale del bando, con l’indicazione dei requisiti e delle modalita’ di partecipazione al concorso, e’ stato pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Umbria n. 52 del 22 dicembre 2009.
Le domande di partecipazione al concorso dovranno essere inviate al seguente indirizzo: Azienda U.S.L. n. 4 Terni – Servizio assunzione, concorsi e reclutamento del personale – via Bramante n. 37 – 05100 – Terni.

Coloro che hanno gia’ presentato domanda di partecipazione al concorso pubblico per diciotto posti di collaboratore professionale sanitario – infermiere, bandito con atto n. 1071 del 7 ottobre 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 91 del 21 novembre 2008, con scadenza alle ore 12,00 del 22 dicembre 2008 potranno integrare la documentazione gia’ inviata a corredo della domanda stessa.

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’U.O. Amministrazione del personale – Ufficio concorsi – via Postierla n. 38 Orvieto – tel. 0763/307607-307615.

18 commenti

  1. ma state scherzando? Cosa pretendete? che andate a fare il concorso e vi danno gia il foglio con tutte le risposte e un grazie della commissione? Neanch’io l’ho passato ma almeno hanno fatto selezione alla pratica e non all’orale come tanti altri che ti umiliano di persona e fanno passare gente che fa scena muta. Purtroppo è cosi, sulla carta il concorso è il modo migliore per premiare il merito ma in pratica se la possono gestire come gli pare, io mi sono rassegnato

  2. ma qualcuno sa più o meno quando inizieranno ad inviare i telegrammi x i candidati che nn hanno superato la prova? almeno per regolarci!

  3. Non ci hanno messo nelle condizioni per poterlo svolgere tranquillamente. Ci tenevo molto a superare questo concorso ma difronte ad un’organizzazione del genere anche il più preparato può essere ostacolato.

      1. 1) hanno consegnato i fogli ed il presidente della commissione non ha invitato i candidati ad aspettare la sua approvazione per iniziare lo svolgimento del test( ognuno, scorrettamente, ha iniziato a svolgere il compito appena ricevuto il foglio tra le mani).
        2) oltre a non indicarci il “VIA”, non ci hanno avvertito neanche quando mancavano gli ultimi 5 minuti, informazione fondamentale per chi è preso a riflettere su delle domande e che, quindi, non bada molto al tempo.
        3) ci hanno trattato come dei pazzi indisciplinati all’ultimo momento, strappandoci letteralmente il foglio dalle mani ( e meno male che avremmo dovuto opporre resistenza alla consegna perchè arrivassero a compiere un gesto del genere).
        una condotta che si pone in antitesi con quella che dovrebbero adottare durante un concorso pubblico, ma è la stessa condotta necessaria per garantire il favoritismi interni.

      2. nessuno favoritismo interno. lavoro ad Orvieto da cinque anni e sono stata sbattuta fuori anche io alla prova pratica. ho sempre lavorato con onestà e ho dato l’anima ma in questa prova bisognava avere solo “culo” non hanno valutato per niente le competenze tecniche. cmq non è detta l’ultima… 

    1. la prova pratica si è svolta per iscritto e si è trattato di domande a risposta multipla. tra i quesiti proposti hanno inserito 4 procedure da mettere in ordine e la “cattiveria”, per far perdere tempo, sta nel fatto che per rispondere non è bastato mettere una semplice x ma è stato chiesto di scrivere tutta la sequenza di lettere. Non hanno avuto rispetto per chi ha dovuto percorrere molti km di strada per arrivare ad orvieto e, in tutti questi mesi, hanno ben pianificato come rendere complicata la prova. è il tipico concorso “all’italiana”!

      1. hai ragione, uno schifo allora… la prima prova fu un disastro e si sapeva che alla prova pratica avrebbero fatto così… è un concorso che dura da anni, già da questo si capiscono tante cose; ormai ci abbiamo provato, che dire speriamo bene!

  4. una vergogna la seconda prova. una tattica studiata a tavolino per far fuori la maggior parte di candidati. hanno voluto fare i cattivi perchè si sono resi conto che la prima prova è stata organizzata coi piedi. vergognatevi”signori” organizzatori. 10 domande in 20 minuti, strutturate in un modo assurdo. il 27 del mese non deve arrivare per persone come voi ma per gente che darebbe l’anima per aiutare concretamente gli ammalati. sono senza parole.

    1. non esiste una graduatoria ,perche hanno inviato i telegrammi a casa a quelle che lo avevano superato.ciao

Rispondi