Nuove modalità di attribuzione e gestione delle posizioni contributive nelle Agenzie di somministrazione

27 Nov    Norme e Leggi

La legge finanziaria 2010 ha introdotto sensibili modifiche in materia di somministrazione di lavoro come, ad esempio, la riattivazione della somministrazione a tempo indeterminato (staff leasing), già abrogata dalla legge 247/2007, e la sua estensione a tutti gli altri casi previsti dai contratti collettivi, in tutti i settori produttivi, pubblici e privati, per l’esecuzione di servizi di cura e assistenza alla persona e di sostegno alla famiglia.

Questi nuove disposizioni sono chiariti nella circolare INPS n. 149 del 24 novembre 2010.

In materia di somministrazione di lavoro, va osservato che, recentemente, sensibili modifiche alla disciplina sono state apportate dalla legge finanziaria 2010, che contiene numerose disposizioni rilevanti.

Tra queste, va segnalata soprattutto la riattivazione  dell’istituto della somministrazione a tempo indeterminato (staff leasing), in precedenza abrogato dalla legge n. 247/2007, e l’estensione della sua applicazione anche alle seguenti ipotesi, integrative della previsione contenuta dalla norma.

A partire dal periodo di paga “gennaio 2011”, le agenzie di somministrazione di lavoro, dovranno utilizzare due distinte posizioni:

  • per gli adempimenti contributivi relativi ai lavoratori somministrati;
  • per quelli relativi al personale direttamente assunto per il funzionamento della struttura.

Per i lavoratori assunti per essere impegnati presso l’impresa utilizzatrice continuerà  ad essere utilizzata  la posizione contributiva in essere, contraddistinta dal  csc 7.07.08e dal c.a 9A (che assumerà anche  il significato di posizione per il solo personale somministrato) e con tutti gli altri codici di autorizzazione eventualmente in essere.

Invece per l’assolvimento degli obblighi contributivi riferiti ai lavoratori assunti per il funzionamento della struttura, le Sedi – dandone tempestiva comunicazione alle agenzie – provvederanno all’attribuzione in automatico di una nuova posizione contributiva, contraddistinta dal csc 7.07.08 e priva del c.a. 9A.

Per l’acquisizione delle eventuali informazioni relative alla tipologia dell’impresa di somministrazione, le Sedi potranno avvalersi anche dell’apposito albo informatico, consultabile nella specifica sezione del sito del Ministero del Lavoro(www.lavoro.gov.it – Amministrazione Centrale – D.G. del mercato del lavoro – Incontro tra domanda e offerta di lavoro – Agenzie per il lavoro – Albo Informatico).

Ai fini della compilazione del flusso UniEmens, i lavoratori assunti per il funzionamento della struttura dovranno essere  indicati con i consueti codici previsti per le diverse qualifiche (operaio, impiegato, ecc.) e i vari codici tipo contribuzione agevolata eventualmente utilizzabili (es. TC 58; 75; 76; 77; ecc…), così come avveniva  in precedenza.

L’aliquota contributiva dovuta sarà quella del settore terziario 38,17% (con DS 1,61% – 1,31% più 0,30% contributo integrativo dovuto al Fondo di rotazione ovvero al Fondo interprofessionale per la formazione continua, per le imprese che vi aderiscono).

Rispondi