Dentista convenzionato asl come funziona

19 Lug    Varie
Dentista convenzionato asl

Le cure dentistiche occupano un ruolo di primo piano per mantenere la salute generale, ma non sempre sono alla portata di tutti. Le parcelle degli studi dentistici privati possono essere particolarmente salate e non sempre sono rateizzabili.

La buona notizia è che esistono dei dentisti convenzionati ASL a cui i pazienti possono rivolgersi per sfoggiare un sorriso in ottima salute. Non avere un budget a disposizione per poter pagare cure mediche private non significa dover trascurare i propri problemi ai denti e alle gengive, perché la salute è una priorità per ogni cittadino.

I dentisti convenzionati con la ASL sono una soluzione per tantissime persone dal reddito basso. Ma come funzionano le visite dentistiche alla ASL?

Come ricevere cure dentistiche alla ASL?

Per ricevere cure dentistiche è possibile rivolgersi a dentisti convenzionati o a un dentista mutua per cure dentistiche convenzionate ASL. Questa convenzione ha consentito così di rivedere al ribasso i costi di una vasta tipologia di prestazioni per rendere accessibili le cure odontoiatriche anche alle fasce sociali più deboli ed emarginate.

Ciò ha permesso di rivedere al ribasso i costi di una vasta tipologia di prestazioni. Attualmente, sul territorio italiano, esistono oltre 5.000 medici della mutua. Per ricevere maggiori informazioni su come funzionano i dentisti convenzionati ASL è possibile rivolgersi in qualsiasi momento dal proprio medico di base oppure recandosi in una delle tante Asl presenti nel territorio. Sul sito web è possibile trovare rapidamente un professionista sulla base della regione e della provincia di residenza.

Quali sono i requisiti per andare dal dentista sociale?

La procedura per richiedere cure dentistiche alla ASL è piuttosto semplice, ma bisogna avere determinati requisiti economici: non tutti sono idonei a ricevere le cure dentistiche agevolate. Possono ottenere le cure dentistiche convenzionate ASL tutti i cittadini italiani che hanno un reddito ISEE inferiore alla somma di 8000 euro l’anno e quelli che sono in possesso della Social Card.

Possono richiedere le visite alla ASL tutti i cittadini con l’esenzione del ticket per reddito, età, patologie e inabilità al lavoro. Queste persone dovranno essere in possesso di un indicatore ISEE che attesti un reddito non superiore a 10.000 euro. Le donne incinte possono invece sottoporsi a pulizia dentale e visita odontoiatrica di controllo alla asl senza limiti reddituali.

Dentisti convenzionati ASL: come avere cure gratuite

Qual è la procedura per avere cure dentistiche gratuite alla ASL? Le persone che hanno i requisiti richiesti dovranno contattare il loro medico di famiglia e richiedere la compilazione dell’impegnativa. A questo punto si potrà prenotare l’appuntamento contattando telefonicamente il CUP (Centro Unico Prenotazioni) oppure fissando l’appuntamento tramite via telematica sul sito reCUP. In alternativa, si può richiedere visitando una qualsiasi ASL della propria città o recandosi in uno studio dentistico convenzionato che ha aderito all’iniziativa del dentista sociale.

Il paziente deve portare con sé tutti i documenti necessari e deve compilare un’autocertificazione con tutti i dati anagrafici, lo stato di salute e il servizio richiesto. Questo documento verrà conservato dallo specialista all’interno dello studio dentistico in quanto giustifica l’emissione di una fattura di importo di molto inferiore rispetto al solito.

In questa occasione è possibile richiedere la visita di controllo, l’ablazione del tartaro, l’insegnamento della corretta igiene orale e l’otturazione di molari e premolari. Anche l’estrazione di denti che non possono più essere in alcun modo recuperati rientra tra le prestazioni che sono erogate dai dentisti convenzionati ASL, così come la realizzazione di protesi.

Rispondi