Finanziamenti per progetti scientifici tecnologici e culturali, per enti di ricerca e istituzioni

29 Set    Varie

La Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia, persona giuridica privata, senza fini di lucro, persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo del territorio della Regione Puglia.

Questo Organo intende sollecitare le istituzioni pugliesi a proporre idee progettuali nei settori statutari di intervento, di seguito riportati, allo scopo di svolgere un’azione di sussidiarietà in considerazione delle scarse disponibilità finanziarie, che spesso non consentono ai soggetti pubblici e privati di sviluppare importanti iniziative tese a valorizzare il territorio pugliese e le sue genti.

Compatibilmente con le risorse disponibili, realizza progetti nei seguenti settori, ai sensi dell’art. 2 dello Statuto:

  • ricerca scientifica e tecnologica;
  • arte, attività e beni culturali;
  • salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa.

I soggetti interessati, Regione, Province, Comuni Pugliesi, Dipartimenti universitari, Camere di Commercio Pugliesi, Sovrintendenze, Diocesi, Prefetture pugliesi, enti e/o istituzioni che operano nei settori delle attività ordinarie della Fondazione, che devono far pervenire entro le ore 12 del 30 Ottobre 2009 proposte originali.

Detti soggetti non devono avere finalità di lucro, e devono perseguire gli stessi scopi di utilità sociale e/o di promozione della Fondazione.

Le ONLUS devono presentare, unitamente alla loro proposta progettuale, lo statuto e l’ultimo bilancio approvato.

Dette idee originali, se condivise dagli Organi della Fondazione, sono trasformate dal Consiglio di Amministrazione di questa istituzione in “progetti esecutivi propri”, eventualmente in cooperazione con il soggetto proponente. Essi sono attuati in collaborazione con gli stessi soggetti proponenti, che devono garantire una quota di finanziamento non inferiore al 50% dell’intero importo del progetto.

Non saranno prese in considerazione idee già giunte ad un elevato livello di realizzazione, ad eccezione delle proposte che riguardano il recupero e/o la valorizzazione dei beni culturali pubblici pugliesi.

Per queste ultime proposte, dovrà essere presentato il progetto preliminare già approvato dalla apposita Soprintendenza.

Saranno escluse le proposte prevenute presso la sede della Fondazione oltre le ore 12 del 30.10.2009.

Ogni soggetto proponente, a pena di esclusione, può inviare per il settore rilevante:

  1. Ricerca Scientifica e tecnologica, al massimo due idee progettuali su argomenti distinti; a seguito di valutazione positiva, la Fondazione CRP potrà finanziare uno o entrambi i progetti.
  2. Arte, attività e beni culturali, il richiedente potrà inviare una sola proposta progettuale.

Il soggetto proponente dovrà sottoscrivere una dichiarazione di assenza di conflitto di interessi con società private.

L’importo totale del progetto per il settore rilevante a) (Ricerca Scientifica e tecnologica), di norma non può superare complessivamente € 100.000,00 (centomila); per il settore rilevante b) (Arte, attività e beni culturali), di norma non può superare complessivamente € 200.000 (duecentomila).

L’importo massimo finanziabile dalla Fondazione non può eccedere il 50% del totale.

Pena esclusione: La durata del progetto non deve essere superiore ad un anno decorrente dalla data di sottoscrizione della convenzione attuativa dello stesso.

Detta sottoscrizione dovrà avvenire entro 60 giorni dalla comunicazione al soggetto attuatore dell’avvenuta approvazione, pena la decadenza.

Le proposte devono pervenire utilizzando esclusivamente il modulo di richiesta pubblicato sul sito internet della Fondazione (www.fondazionecrpuglia.it) per posta elettronica o tramite posta ordinaria raccomandata all’indirizzo che segue:  Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia Viale della Repubblica n. 111  70125 Bari.

Rispondi