Categoria: Notizie sul Lavoro

Feb 24

Bonus Straordinario

Scade il 28/02/2009 la richiesta del bonus con riferimento il reddito 2007,  sembra doveroso ricordare che qualora il beneficio non dovessere essere erogato dal sostituto d’imposta quindi il proprio datore di lavoro sarà necessario ripresentare una nuova domanda all’agenzia delle entrate entro il 30/04/2009 per chi presenterà la richiesta con il reddito 2007 ed entro […]
Feb 15

STRESS DA LAVORO

Nuovo progetto dell’Agenzia delle Entrate della Lombardia, che mira ad un percorso formativo del proprio personale dipendente del front-office, al fine di combattere lo “stress-correlato”, una problematica che affligge quanti hanno a che fare con attività difficili, logoranti, dal punto di vista fisico o intellettivo, approvato dal Testo Unico sulla Sicurezza, mira nel fornire ai […]
Feb 6

INAIL assegno una tantum vittime d’infortunio sul lavoro

E’ recente un provvedimento legislativo a sostegno delle famiglie di lavoratori vittime d’infortunio mortale sul lavoro, tale provvedimento legislativo toglie di fatto la soglia di vincolo di reddito familiare di euro 50000,00 oltre il quale l’assegno una tantum veniva erogato nella misura del 50%. Il nuovo DM prevede la possibilità di ripresentare la domanda di […]
Gen 11

News lavoro dalla finanziaria

E' stata pubblicata sul supplemento ordinario n. 283 alla Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30 dicembre 2008, la cosiddetta «Finanziaria 2009», particolarmente «snella» quest'anno, atteso che altri provvedimenti sono stati anticipati con la legge n. 133/2008 e con il cosiddetto «decreto anticrisi», attualmente all’esame del Parlamento, con il n. 185/2008. Leggi tutto
Dic 4

Sei laureato il lettere? Ritenta, sarai più fortunato

C’è la crisi. Non ci sono soldi, chiuderanno le imprese, aumenterà la disoccupazione…chi non sente almeno una volta al giorno una di queste frasi (mentre ha la sensazione di essere nato nell'epoca sbagliata)? C’è disoccupazione, poi, è una frase che aleggia nell’opinione comune già prima della imminente recessione dovuta al crollo delle borse. Eppure visti i dati di Unioncamere non sembra che non ci fosse lavoro, almeno per talune categorie, nell’anno che volge al termine. Leggiamo infatti in uno stralcio del comunicato che “nel 2008, sul mercato del lavoro, mancano all’appello 42mila laureati nelle varie discipline e almeno 88mila diplomati negli istituti tecnici e professionali”. Mica uno o due, 42 mila! Leggi tutto
Ott 9

SC37 DURC intero – Scadenza –

Scade giorno 31 ottobre 2008 la presentazione del modello SC37 DURC Interno tale modello attesta in autocertificazione il rispetto dei contratti collettivi, la regolarità contributiva nei confronti degli enti previdenziali e delle casse edili e l’assenza di violazioni delle norme in materia di sicurezza sul lavoro, quanto detto è condizione necessaria per poter fruire dei […]
Ott 9

Interpello n. 49/2008 L. 407/90 e anzianità di disoccupazione

Si riporta in modo integrale l’interpello n. 49/2008 relativo alla decorrenza dell’anzianità di disoccupazione e relativi benefici contributivi riservati ai datori di lavoro. Pertanto si consiglia sempre e comunque di dare la propria disponibilità al lavoro presso i centri per l’impiego appena si perde il proprio lavoro.   “Interpello 49/2008 Ministero del Lavoro, della Salute […]
Ott 6

Cassa Edile di Pordenone CIGO per apprendisti

La Cassa Edile di Pordenone inserisce, dal periodo di paga di ottobre 2008,  tra le prestazione a favore dei lavoratori iscritti anche la prestazione avente per oggetto la Cassa integrazione Guadagno Ordinaria per eventi atmosferici a favore degli apprendisti operanti nella provincia di Pordenone. La prestazione sarà erogata per un massimo di 150 ore annue […]
Set 17

La disoccupazione cala, ma peggiorano le condizioni di lavoro

Un altro interessante articolo di TIto Boeri su LaVoce.info:
Negli ultimi dieci anni in Europa la disoccupazione è scesa notevolmente, anche quella di lunga durata. Eppure, i sondaggi evidenziano un crescente malcontento per le condizioni di lavoro. Perché? Le riforme degli anni Novanta hanno creato un mercato del lavoro a due velocità, che produce pesanti asimmetrie nelle carriere, con tutti i rischi concentrati sulle spalle degli assunti con contratti atipici. La risposta non è un ritorno al passato, ma una decentralizzazione maggiore delle negoziazioni salariali, legando gli stipendi alla produttività.
Leggi tutto